Venerdì 24 Ottobre 2014
Ricerca     su  


Mappa del sito

P. IVA 02 403 780 402
Privacy Policy


sviluppato da   Nimaia sviluppo siti e web marketing
Condividi:
Ancora nessuna apocalisse
di Israel Shamir - 12/03/2012

Fonte: eurasia [scheda fonte]


Ancora nessuna apocalisse


L’apocalisse prevista non è venuta per passare. Le elezioni presidenziali in Russia hanno fatto il corso, Putin è stato regolarmente eletto e, con grande stupore dell’opposizione, le folle miliardarie che chiedono il sangue del tiranno, non si sono materializzate. Solo circa 15.000 manifestanti riuniti nel centro di Mosca e dispersi pacificamente nel giro di due ore. Solo un centinaio di attivisti “hardcore” sono risoluti nel “voler rimanere fino a quando Putin non se ne andrà”, vicino alla fontana cittadina ghiacciata. Essi sono stati arrestati, accusati e rilasciati. Che flop!

Un ispirato portavoce dei “bianchi”, una rimpatriata da New York, Masha Gessen, auto-descrittasi “lesbica ebrea, nemica giurata del regime di Putin”, un blogger del New York Times, “estremamente influente”, secondo Newsweek, che ha appena pubblicato un libro con Riverhead, profetizzando la rapida caduta di Putin, prevedendo (o chiamando per) che 200.000 russi inquietati abbatteranno le mura del Cremlino e laveranno con il sangue le strade, il 5 marzo. Raramente una visione ha fallito così profondamente.

L’ultima manifestazione ha avuto i suoi momenti divertenti. I radicali si sono presentati con slogan abbastanza osceni contro Putin e il suo elettorato. Hanno fischiato quasi tutti, incluso l’oligarca miliardario Prokhorov che ha cercato la sua fortuna con loro. Era piuttosto freddo, – 6° C, e la chiamata di Udaltsov e Navalny a restare è stata accolta con visibile incredulità. Navalny sembrava estremamente infelice, parlava delle necessità di costruire un movimento partendo da zero. La polizia si è comportata molto bene, anche i partecipanti hanno lodato il suo atteggiamento educato e rispettoso. I poliziotti statunitensi potrebbero trarre lezione dalla polizia anti-sommossa di Mosca su come restare calmi.

Finché non è accaduto, nessuno era sicuro del risultato. I leader dell’opposizione, ho chiesto loro in privato, mi hanno detto che non sapevano nulla; il governo non era sicuro e ha portato migliaia di soldati e poliziotto anti-sommossa, minacciosamente allocati nei cortili, rimanendo felicemente in disparte. Il municipio ha acconsentito tutte le manifestazioni richieste, al momento e nel luogo richiesto; non vi sono stati problemi logistici, la posizione del principale manifestazione dell’opposizione era in piazza Pushkin, l’equivalente moscovita di Times Square a New York. Tutto inutile: la gente non è venuta.

Si erano calmati con il voto. Circa 40.000 osservatori, provenienti da ogni ceto sociale, erano di stanza presso gli stand, c’erano telecamere web di controllo in ogni angolo vicino alle cabine per possibili brogli. Gli osservatori, di mentalità relativamente aperta, hanno avuto la possibilità di vedere che in elezioni trasparenti la gente vota per Putin. Non una stragrande maggioranza (64 per cento non è un tipo nord-coreano di risultato), ma convincente. Alcuni blogger liberali hanno avuto un ripensamento e, singhiozzando, hanno ammesso di aver assistito a elezioni eque e sentito la “vox populi”. Per questo motivo i richiami di Navalny, Yashin, Udaltsov e altri leader “bianchi”, per dichiarare “illegittimo” il voto, sono cadute nel vuoto.

Solo alcuni attivisti “hardcore” hanno continuato a sostenere che il voto è stato fraudolento; altri “bianchi” si sono lamentati del fatto che dovranno condividere questo pianeta con una tale marmaglia. Il vice-direttore della maggiore emittente “bianca”, Echo Moskvy, Vladimir Varfolomeev, ha scritto nel suo blog che “la base sociale del regime di Putin, 40 a 50 milioni di russi, deve essere eliminata”, per far vincere la democrazia. Questa osservazione è stata ampiamente interpretata come un invito al genocidio. Altri “bianchi” hanno spregiativamente definito l’elettorato di Putin come “spratti” e con altri termini “affettuosi”; uno o due hanno dichiarato la loro intenzione di emigrare in Israele. Hanno in programma più manifestazioni, ma la sensazione è che la “bolla arancione” sia scoppiata.

Gli attivisti hanno il cuore spezzato, le loro aspettative frantumate. La loro causa, quella di elezioni eque, è morta. La demonizzazione di Putin non ha funzionato, al contrario, ha spinto molti russi testardi a tornare nell’ovile. Ora cercano una nuova causa, e sembra che abbiano scelto lo scontro con la Chiesa. Dopo il fallimento, la loro prima azione è stata a sostegno di quattro punk-rockers che si sono resi sgradevoli in una cattedrale di Mosca. Questo probabilmente non attirerà larghe masse, dato che i Russi sono molto devoti alla loro Chiesa nazionale.

I comunisti sono andati piuttosto bene, ma le loro tattiche all’indomani delle elezioni erano confuse e deboli. Zjuganov ha scelto di non riconoscere il risultato il risultato e di non congratularsi con Putin; il Partito ha organizzato un raduno senza mobilitare i suoi quadri e si è rivelato un flop, dato che i comunisti ordinari non hanno compreso il messaggio. Probabilmente una nuova persona alla guida del partito, al posto dello stanco Zjuganov, sarà in grado di cambiare le cose in tempo per le prossime elezioni.

L’analisi dei risultati delle elezioni dimostra che Mosca ha votato in modo diverso dal resto del paese. La disparità sociale della Russia si è tradotta, molto ordinatamente, in numeri elettorali. Altrove, il secondo posto è stato preso dal rivale comunista Gennadij Zjuganov (18 per cento); a Mosca, i comunisti hanno ceduto in favore dell’oligarca “bon-vivant”, Mikhail Prokhorov, che ha ricevuto un robusto 20 per cento, rispetto al 7 per cento generale.

Ancora più rivelatori sono stati i risultati in diversi distretti elettorali: i quartieri di Mosca più benestanti hanno votato generosamente per Prokhorov, nelle aree migliori e costose ha ottenuto il 40 per cento dei voti. Prokhorov e i suoi hanno chiesto un’agenda neoliberista, meno imposte per le imprese, ore di lavoro più lunghe, lo smantellamento dei resti di protezione sociale, compreso il riscaldamento centralizzato che rende le case russe più calde in inverno. Naturalmente non poteva sperare di conquistare il cuore del russo medio, ma i benestanti hanno votato per lui, anche se hanno fatto le loro fortune sotto Putin.

Putin ha portato questo risultato su di sé: ha permesso che Mosca diventasse un vortice di flussi di denaro. Più denaro arriva e rimane a Mosca più che nel resto della Russia. Una volta Mosca aveva una grande classe operaia, molte fabbriche, buone condizioni per i lavoratori, lavoratori che sono stati il pilastro del regime sovietico. Ma negli ultimi 20 anni Mosca è stata deindustrializzata, fabbriche chiuse, la classe operaia si è ridotta, mentre i locali fanno una strage, affittando i loro appartamenti forniti dallo Stato.

Il risultato delle elezioni a Mosca avrebbe potuto anche essere peggiore per Putin, se non fosse stato per il trasporto dei voti provenienti dai comuni industriali. Gli elettori trasportati erano anche cittadini della Russia e il trasporto non ha modificato i risultati complessivi; ha cambiato i risultati per i distretti separati, oscurando così il pericoloso divario tra Mosca e il resto del paese. In alcune zone costose di Mosca, dove poco o nulla voto trasportato ha avuto luogo, Prokhorov ha quasi raccolto tanti voti quanti Putin. A Londra e a Tel Aviv, dove molti cittadini russi hanno votato, Prokhorov ha vinto a mani basse e Putin era assente.

Se Putin vuole restare al potere, deve fare qualcosa per Mosca. La disparità tra Mosca e il paese deve essere uguagliata. La capitale e i suoi abitanti sono odiati dalla gente di campagna, e questo sentimento potrebbe consentire a Putin di spostare le risorse da questa città troppo ricca.

Il problema più grande è con gli oligarchi. Riuscirà a cercare di inserire la loro agenda? Si tratta di una possibilità concreta. Anche se al momento dell’ondata delle manifestazioni anti-Putin, ha fatto appello al patriottismo di attivisti e intellettuali, e lo hanno salvato con il miracolo al Monte Poklonnaya, sono ben lungi dall’esser certi che non se li dimenticherà nel momento della vittoria. Idem per Rogozin, l’ardente nazionalista, che è stato riportato a casa dall’esilio onorario a Bruxelles. La gente si chiede se Putin lo terrà.

Tuttavia, c’è una possibilità che lui farà ciò che gli oligarchi temono, vale a dire affrontare la delocalizzazione e gli affari disonesti dei super-ricchi. John Helmer, un vecchio giornalista a Mosca per l’Asia Times, ha scritto con entusiasmo della direttiva di Putin VP-P13-9308 del 28 dicembre 2011, disponibile qui; l’ha definita “l’assassina degli oligarchi”. Putin ha chiesto agli amministratori delegati e ai dirigenti dei giganti statali di rivelarsi, nelle parole di Helmer: “Le reti di affiliazione tra funzionari e beneficiari; mogli, figli, e altri membri della famiglia o per interposta persona, che sono stati posti in affidamento occultato e che ricoprono posizioni di cui si sono appropriati; e catene di flussi di cassa delocalizzati. Le imprese statali includono Rosatom, la società partecipata di estrazione e combustione dell’uranio; RusdHydro, il produttore di energia idroelettrica; Irkutskenergo, un fornitore di energia elettrica regionale a sud-est; Gazprom; Transneft, la compagnia degli oleodotti; Sovcomflot, la compagnia di navigazione statale; Russian Railways; Aeroflot; Rostelecom; e le tre banche statali, Sberbank, VTB e Vnesheconombank.”

Sorprendentemente, poco è stato scritto su questo dai media prima delle elezioni, anche se qualche segnale di attacco agli oligarchi avrebbe portato qualche milione di elettori in più a Putin. C’erano un paio di servizi in TV e poi la materia è scomparsa dalla vista pubblica. Putin continuerà questa questa lotta contro gli amministratori delegati che si occupano di beni dello stato nell’interesse delle loro famiglie? È difficile prevedere se alla fine Putin avrà il coraggio di lottare contro gli oligarchi o preferirà assecondarli.

Se vuole sopravvivere politicamente, dovrà attuare il programma nazionale, confrontarsi con gli oligarchi, frenare la classe creativa, fornire assistenza a coloro che lo hanno sostenuto. Ma Putin è un maestro del compromesso, compie un’azione decisiva solo se necessario. Sarà frenato da Dmitri Medvedev come suo primo ministro, un appuntamento estremamente sfavorevole da cui non si potrà scappare. Anche se personalmente fedele a Putin, non è un buon amministratore. Eppure sarebbe difficile farlo cadere a meno che non commetta una serie di errori.

La Russia si trova di fronte a una serie di anni fatidici. C’è il pericolo di una guerra israelo-americana contro l’Iran, e l’Iran è vicino della Russia e amico. La Siria, anche se in forma molto migliore dopo la presa di Homs, è ancora nei guai, e la Siria è il punto d’appoggio della Russia nel Vicino Oriente. Il futuro dell’euro e della Comunità Europea è in bilico, mentre l’Europa è il principale interlocutore commerciale della Russia. Per gli Stati Uniti è l’anno delle elezioni presidenziali, un momento in cui i politici fanno a gara a chi è il più duro al mondo e verso la Russia. In un certo senso, è un sollievo che questo paese importante sia nelle mani di Putin.

FONTE: http://www.counterpunch.org/2012/03/09/no-apocalypse-yet/

Tante altre notizie su www.ariannaeditrice.it