Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Libri / Un'altra Storia / Il Libro nero della scuola - Libro

Il Libro nero della scuola - LIBRO

Giorgio Matteucci

Il Libro nero della scuola - LIBRO

Come le lobby dell'educazione tecnologica e digitale hanno conquistato la scuola, gli studenti e il futuro post-pandemia

Giorgio Matteucci

208 pagine

Brossura - cm 15x21

ARIANNA EDITRICE

Un'Altra Storia

Settembre 2022

ISBN 9788865882504

Pagine 208

Formato Brossura - cm 15x21

Casa editrice ARIANNA EDITRICE

Collana Un'Altra Storia

Prima edizione Settembre 2022

Prezzo € 17,95 5% € 18,90
Aggiungi al carrello Regala questo prodotto

Vi ricordate la fiaba de I vestiti nuovi dell’imperatore? Simile all’imperatore vanitoso appare oggi la scuola, e molto simili ai personaggi della fiaba di Andersen siamo noi. Qualcuno, venuto dal­la Silicon Valley, ha convinto le istituzioni internazionali, i Governi, i Ministeri dell’istruzione, i funzionari, i dirigenti scolastici, gli inse­gnanti e tutto il popolo di possedere i migliori strumenti per formare le nuove generazioni. Negli ultimi anni, ingegneri e informatici tra­vestiti da educatori hanno ricevuto finanziamenti sempre più cospi­cui per spogliare la scuola e rivestirla con abiti nuovi.

«Una folta schiera di neuro­ scienziati, psichiatri, psicologi, pedagogisti, educatori, logopedisti, grafologi e insegnanti denunciano con le loro ricerche i molteplici danni arrecati a bambini e ragazzi da una precoce e prolungata espo­sizione ai nuovi media digitali… Eppure a fronte delle evidenze della scienza, i Governi di tutto il mondo stanno, come l’imperatore della favola di Andersen, aumentando i finanziamenti alla digitalizzazione della scuola e alimentando il sem­pre più florido mercato globale dell’EdTech (educazione tecnologi­ca), mentre da più parti si urla a gran voce che “la scuola è nuda”».

Giorgio Matteucci ci spiega e documenta come la scuola, il doposcuo­la, il tempo libero e la vita stessa dei ragazzi sono ormai diventati settori di mercato da conquistare, in uno scontro tra le grandi aziende di Hi-Tech e di EdTech di mezzo mondo.

«Le lavagne di ardesia vengono sostituite con le lavagne interattive multimediali (LIM)… I libri, i dizionari, i quaderni, le penne, le matite e i pennarelli posso­no tranquillamente essere sostituiti con smartphone, tablet, e-book. A cosa serve saper leggere un libro quando c’è Google e Wikipedia? A cosa serve imparare a impugnare correttamente una penna per eser­citare la calligrafia e scrivere, magari in corsivo, quando esistono ta­stiere che permettono di picchiettare caratteri in Times New Roman, in Arial, in Book Antiqua o in Microsoft JhengHei? A cosa servono i diari scolastici, con i quali gli studenti imparavano a organizzarsi il lavoro scolastico in autonomia e tenere traccia dei propri pensieri ed amori, quando abbiamo i registri elettronici che consentono ad inse­gnanti solerti e genitori ansiosi di pianificare, sorvegliare e controlla­re compiti, voti, rapporti disciplinari, assenze, giustificazioni e co­municazioni varie tra scuola e famiglia? A cosa servono la storia, la filosofia e le scienze umane quando ci sono le Tecnologie dell’Infor­mazione e della Comunicazione (TIC)? A cosa serve il pensiero criti­co se abbiamo il pensiero computazionale? A cosa servono le aule e le scuole di mattoni e malta se abbiamo le classi virtuali e le nostre case per fare lezione? A cosa serve allenare l’attenzione, la concentrazione endogena e la fatica allo studio, se quest’ultimo può essere “ludiciz­zato” (Gamification) con i videogiochi educativi? A cosa servono tan­ti insegnanti se attraverso i MOOC (massive open online course; in ita­liano “corso online aperto e di massa”) un insegnante unico e ben selezionato può fare lezione a centinaia o migliaia di alunni chiusi nelle loro stanze? Ma a ben vedere, a cosa servono gli insegnanti, che vanno pagati, che vogliono le ferie e le pensioni, se esistono corsi gestiti da Intelligenza Artificiale (IA) che promettono di fornire i pro­pri servizi 24 ore su 24, sette giorni su sette, adattandosi alle esigenze e ai tempi di apprendimento di ciascun allievo?»

Come si è arrivati a questo punto?
Dove sta andando la scuola?
Quali alternative abbiamo?

Arricchiscono il libro i contributi di:

- Irene Bertoglio, scrittrice, grafologa e rieducatrice della scrittura, sull’influenza della scrittura e del corsivo sullo sviluppo cognitivo e sull’apprendimento nel bambino.
«Scrivere accende infatti l’intelligenza: sono le neuroscienze a dimo­strarlo. È stato comprovato da ricerche scientifiche che la scrittura ma­nuale è fondamentale per lo sviluppo cognitivo e per l’apprendimen­to».

- Erika Di Martino, da anni punto di riferimento per chi pratica l’homeschooling in Italia e all’estero, sull’homeschooling.

«Nel corso di questi anni in cui sto sostenendo le famiglie nel loro percorso di istruzione parentale come consulente, ho avuto il privilegio di osservare la rinascita di molti ragazzini annienta­ti dal sistema scuola, di gioire con i genitori delle conquiste dei loro meravigliosi bambini con disabilità, che spesso venivano ignorati o addirittura danneggiati quando lasciati in classe».

- Mariangela Di Pasquale, iinsegnante, pedagogista e counse­lor, ideatrice e direttrice della Scuola Interiore delle Arti, sul metodo Scuola Interiore.

«Questa scuola è la casa della fiducia, un luogo in cui favori­re l’amore per il sapere e dove coltivare empatia, autostima e consapevolezza del proprio sé; una scuola che non sceglie tra immettere, in-ducere, o portar fuori, ex-ducere, ma che inte­gra e dà valore a entrambi».

- Christian Mancini, docente esperenziale esperto in outdoor education, sull’importanza delle esperienze sensoriali nella natura nell’ambito della didattica.
«I docenti competenti preparano gli alunni al meglio attraverso esperienze sensoriali, risvegliando l’interesse della persona e stimolando alla percezione dell’argomento prima ancora di accogliere la conoscenza astratta attraverso uno strumento visivo. In altre parole prima di studiare la torre di Pisa, saliamo sulla torre di Pisa».

- Fabio Alessandri, maestro elementare, musicista, narratore, formatore degli adulti in pedagogia intuitiva a orientamento antroposofico, sul ruolo dell’esempio, dell’imitazione e della curiosità per il mondo circostante nell’educazione.
«Il problema fonda­mentale è la concezione della scuola sviluppata dal sistema capitali­stico, secondo la quale i giovani devono venire educati ad inserirsi nel sistema imparando quanto richiesto dal sistema stesso, anziché impa­rare ad entusiasmarsi per il mondo che li circonda, sviluppando forza di volontà, sensibilità per il buono e il bello e capacità di giudizio au­tonomo».

- C.E.M.I., il Centro di Educazione Musicale Infantile, di Rimini sul metodo Suzuki.

«Il metodo Suzuki si basa sulla convinzione che qualunque bambino può dimostrare un talento straordinario se si usa­no dei metodi corretti nella sua educazione. L’obiettivo del metodo non è scoprire dei geni ma educare il talento di ogni bambino perché possa essere un uomo migliore».

Inoltre si trovano le indicazioni per accedere e scaricare il Manuale di educazione parentale di Francesco Bernabei.

 

ISBN 9788865882504

Pagine 208

Formato Brossura - cm 15x21

Casa editrice ARIANNA EDITRICE

Collana Un'altra Storia

Prima edizione Settembre 2022

Prezzo € 17,95 5% € 18,90

Aggiungi al carrello Regala questo prodotto
Cercalo nel Punto Macro più vicino