Sabato 26 Luglio 2014
Ricerca     su  


Mappa del sito

P. IVA 02 403 780 402
Privacy Policy


sviluppato da   Nimaia sviluppo siti e web marketing
Condividi:
I cosiddetti nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti: solo per vecchi
di Maurizio Blondet - 10/12/2012

Fonte: rischiocalcolato

   
   

“Usa: creati più posti di lavoro del previsto”, “Usa: a novembre più 147 mila posti di lavoro!”. Entusiasmo d’ufficio nei media sussidiati: il mondo sta uscendo dalla crisi, è la luce in fondo al tunnel! Monti ha sempre ragione! Ma se vediamo più da vicino i dati di questo miracolo americano, sgranandolo per classi di età dei “nuovi” lavoratori, il quadro è lievemente agghiacciante. Anzitutto una spiegazione: i posti imprevisti in più si aggiungono alla “normale” crescita di 1,2 milioni di posti di lavoro a novembre, “normale” perché si tratta di assunzioni in vista dello shopping natalizio. Ebbene: i vecchi, tra i 55 e i 69 anni, si sono accaparrati i posti di lavoro creati in più, anzi ancora di più: ben 177 mila. Nella classe di età fra i 24 e i 55 anni, la più produttiva e quella che spunta le buste-paga più alte, i posti di lavoro sono in realtà calati di 359 mila.



E’ una tendenza costante: da quando Obama è entrato alla Casa Bianca, la classe 55-69 anni ha cumulativamente guadagnato 4 milioni di posti di lavoro; le classi giovanili, dai 20 ai 25 e dai 25 ai 55, ne hanno persi 3 milioni. Tre milioni di posti di lavoro perduti.

Come si spiega questa tragica distorsione dell’occupazione in America, questa esplosione della manodopera geriatrica e collasso dei lavoratori più giovani? Facile: i vecchi si contentano di paghe più basse. I loro fondi-pensione privati, a cui hanno versato contributi per decenni, sono stati svuotati dal grande crack finanziario speculativo; e con ciò, è andata in cenere la speranza di questa classe di ritirarsi prima dei 70 anni. E’ la foltissima classe dei baby-boomers (nati attorno al 1945) passata da benestante a bisognosa, che non esige salario pieno, perché o integra piccole pensioncine che da sé non bastano per vivere, o ha qualcosa da parte.

In tal modo, i datori di lavoro hanno a disposizione una forza-lavoro con molta esperienza che non deve essere addestrata come i giovani, abituata a lavorare (contrariamente a molti giovani, anche in Usa), e che costa stipendi da immigrato clandestino: tipicamente, WalMart assume questi vecchietti per 7 dollari l’ora, e - spesso – solo fino a Capodanno. Ma questa classe occupa i posti dei giovani, che costerebbero di più; una triste concorrenza interna, il lavoro si delocalizza anche così: invece che in India, si delocalizza per età. Molti di questi “lavori” consistono nel mascherarsi da Babbo Natale, riempire i pacchi dei clienti e simili.

Risultato: oggi in America il numero dei lavoratori “veri”, nella classe d’età 25-55 anni che conta 94 milioni di persone, è tornato ad essere quello che era nel 1977, ossia 35 anni fa.

Per giunta, il 73% dei posti di lavoro creati in Usa negli ultimi cinque mesi è nel settore pubblico: federale, stati, comunità locali. Come in Europa, anche là il “mercato del lavoro” privato è praticamente chiuso. Tranne per 65enni ed oltre, costretti a tornare a lavorare per bisogno. Presto anche in Italia?


Tante altre notizie su www.ariannaeditrice.it