Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra

"Gli italiani sono ignoranti". Così Boldrini vuole rieducarci

di Giuseppe De Lorenzo - 23/07/2017

"Gli italiani sono ignoranti". Così Boldrini vuole rieducarci

Fonte: Il Giornale

Se non ve ne siete accorti, siete ignoranti. Sì, esatto: gli italiani sono asini. Soprattutto quando si parla di immigrazione. A metterlo nero su bianco è la Commissione Jo Cox della Camera dei deputati, un organismo voluto e presieduto da Laura Boldrini per studiare "l'intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni dell'odio".

Istituita il 10 maggio 2016, la Commissione "include un deputato per ogni gruppo politico, rappresentanti di organizzazioni sopranazionali, di istituti di ricerca e di associazioni nonché esperti". Fin qui tutto normale. O quasi. Nel senso che la Commissione due giorni fa ha presentato la relazione finale dei suoi temutissimi lavori ed ha emesso la sua sentenza finale sul popolo populista: gli italiani hanno opinioni sbagliate, "stereotipi e false rappresentazioni". E per questo vanno rieducati.

La relazione si apre con la spiegazione del concetto della "piramide dell'odio", una sorta di rappresentazione grafica e sociologica di come un "linguaggio ostile e banalizzato" possa trasformarsi in un "crimine d'odio" fino "all'omicidio" contro donne, gay, immigrati e altre religioni. Manco fossimo a Caracas.

Segue quindi un lungo elenco di opinioni negative di cui sono soliti macchiarsi i cittadini poco illuminati. Come quelle di chi ritene che "l’uomo debba provvedere alle necessità economiche della famiglia e che gli uomini siano meno adatti ad occuparsi delle faccende domestiche"; oppure che "una madre occupata non possa stabilire un buon rapporto con i figli al pari di una madre che non lavora". Che maschilisti, questi italiani!

Non è tutto. Perché la vera ossessione del documento sono le idee sugli immigrati. Qui l'accusa si trasforma in offesa. Si legge infatti che "secondo l’Ignorance Index di IPSOS MORI, l’Italia risulta il Paese con il più alto tasso del mondo di ignoranza sull’immigrazione". E che cosa penseranno mai i populisti per meritarsi il titolo di ignoranti? Tutte cose normali, ma orribili per la Boldrini. Ritenete che "i datori di lavoro debbano dare la precedenza agli italiani"? Siete retrogradi. Credete che gli immigrati "tolgano lavoro" ai disoccupati nostrani? Solo bugie. Vi azzardate a dire che "i rifugiati sono un peso perché godono dei benefit sociali e del lavoro degli abitanti"? Siete de cattivoni: vitto e alloggio pagato per due anni a 170mila persone, di cui l'80% senza diritto d'asilo, sono un dovere. Non uno spreco. E ancora: credete che “un quartiere si degrada quando ci sono molti immigrati” e che “l’aumento degli immigrati favorisce il diffondersi del terrorismo e della criminalità"? Non sapete cosa dite.

Forse i membri della Commissione Jo Cox una casa nelle periferie di Milano e Roma non l'hanno mai avuta. Altrimenti non avrebbero puntato tanto il dito contro chi non desidera migranti nel proprio quartiere (il valore delle case si deprezza rapidamente) e non vorrebbe rom e sinti "come vicini di casa". Ma tant'è. Dopo un lungo elenco di discriminazioni, omofobie e sessismi commessi dagli italiani, si arriva alle medicine proposte dalla Boldrini e i suoi compagni d'avventura. Sono le 56 "raccomandazioni per prevenire e contrastare l'odio" rivolte a governo, Ue, media, giornalisti, associazioni e operatori. E così per abbattere la violenza dovremo "approvare alcune importanti proposte di legge all’esame delle Camere, tra cui quelle sulla cittadinanza e sul contrasto dell'omofobia e della transfobia". Capito? Solo con lo ius soli si sconfigge l'odio: parola di Boldrini. Poi bisogna "rafforzare nelle scuole l’educazione di genere" (leggi: ideologia gender), educare i giovani al "rispetto, apertura interculturale, inter-religiosa" e istituire "un giurì che garantisca la correttezza dell’informazione". Nemmeno Orwell sarebbe arrivato a tanto, eleggendo un padre-padrone dell'informazione che ci rieduchi per legge e ci insegni la bellezza dell'interculturalismo.

Viene da chiedersi chi sarà questo gran giurì. Non è che gatta ci cova? Infatti mentre bacchetta i giornali, la Boldrini vorrebbe "rafforzare il mandato dell’UNAR" (quello delle orge gay pagate dallo Stato) e "sostenere e promuovere blog e attivisti no hate o testate che promuovono una contro-narrazione". A chi vorrebbe dare appoggio (e forse soldi)? Magari proprio quei blog che hanno aiutato il Presidente della Camera nella sua raccolta firme "bastabufale.it", come "Il disinformatico" di Paolo Attivissimo, il blog di Paolo Puente o "Butac" di Michelangelo Coltelli. Tutti primi firmatari della campagna anti fake news. A pensar male si fa peccato, ma a volte ci si azzecca.