Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Articoli / Gli Stati Uniti sottostimano a proprio rischio la sfida economica della Cina

Gli Stati Uniti sottostimano a proprio rischio la sfida economica della Cina

di Richard D. Wolff - 28/07/2021

Gli Stati Uniti sottostimano a proprio rischio la sfida economica della Cina

Fonte: controinformazione

Da decenni l’economia della Repubblica Popolare Cinese cresce molto più velocemente di quella degli Stati Uniti. Lo stesso vale per il salario reale medio della Cina. La Cina è ora la seconda superpotenza del mondo, raggiungendo gli Stati Uniti economicamente se non (ancora) militarmente. La sua influenza politica è cresciuta insieme al suo PIL. Laddove una volta il principale capro espiatorio degli Stati Uniti era l’URSS/Russia, la Cina ha sostituito quest’ultima in quella posizione. L’industria turistica globale corteggia i big spender cinesi.
I progressi tecnici della Cina continuano a stupire e impressionare la maggior parte del mondo.

La storia di base qui replica in gran parte la storia degli Stati Uniti e dell’Impero britannico. Gli Stati Uniti un tempo erano una semplice colonia, umiliata e abusata economicamente dal suo colonizzatore. La Cina ha sofferto allo stesso modo per mano dei suoi colonizzatori, sebbene sia stata in grado di evitare lo status coloniale formale, ad eccezione di alcune enclavi. Il risentimento e l’amarezza accumulati furono il fattore chiave nella rottura rivoluzionaria americana dal suo status coloniale alla fine del XVIII secolo. Lo stesso accadde in Cina a metà degli anni ’20. Nella guerra del 1812, i nuovi Stati Uniti dimostrarono che l’impero britannico non poteva annullare la rivoluzione americana.
Nella guerra di Corea, la nuova Repubblica Popolare Cinese dimostrò che l’Impero USA non poteva disgregare la nuova rivoluzione della Cina.

Premier cinese


L’indipendenza ha scatenato una rapida crescita economica negli Stati Uniti, che hanno raggiunto e superato economicamente il loro colonizzatore nel corso del XIX secolo. La prima guerra mondiale segnò l’inversione dei ruoli tra Stati Uniti e Regno Unito. A molti livelli – politico e culturale oltre che economico – il dominatore e il dominato si scambiarono di posto. Nel corso del 20 ° secolo, gli Stati Uniti hanno sostituito (e sostituiti essi stessi) l’impero britannico e altri imperi europei per diventare l’egemonia globale. Dopo aver gravemente inciampato nella Grande Depressione, gli USA hanno risposto con l’esplosione della socialdemocrazia del New Deal. Su tale base, gli Stati Uniti si sono impegnati a far copiare al resto del mondo quello che etichettavano come un capitalismo “di popolo” o “del benessere” che rappresentava l’epitome dello sviluppo umano.
All’inizio del 21° secolo, i critici etichettarono il primo ministro britannico Tony Blair come “il barboncino d’America” ​​per la sua servile subordinazione al regime di George W. Bush negli Stati Uniti.

Allo stesso modo, la rivoluzione cinese del 1949 ha scatenato una straordinaria ripresa economica dai successivi flagelli dell’invasione giapponese, della seconda guerra mondiale e della guerra civile. La ripresa economica ha consentito una maturazione politica che ha trasformato il Partito Comunista Cinese e la Repubblica Popolare Cinese da discepoli del Partito Sovietico e dell’URSS in pari con la propria agenda, ai valori e alla interpretazione del marxismo. Culturalmente, la Cina ha guadagnato una notevole autostima come gigante in risveglio riconquistando la sua posizione egemonica in Asia e oltre, nel mondo intero. Le mutate condizioni globali e un certo esaurimento della fase di ripresa del suo sviluppo hanno portato la Cina a cambiare rotta con la scomparsa di Mao Zedong.

Non solo quell’economia ha raggiunto le imprese di crescita senza precedenti menzionate sopra, ma lo ha fatto anche senza la maggior parte degli aiuti esteri dati a molte altre nazioni in via di sviluppo. L’ostilità attiva degli Stati Uniti ha imposto quella privazione alla Cina. In tal modo ha anche reso l’autosufficienza una base cruciale per lo sviluppo della Cina. Nell’ultimo mezzo secolo, la Cina è stata un modello di come una determinata nazione in via di sviluppo può mobilitare il suo surplus per lo sviluppo. I lavoratori cinesi hanno prodotto un surplus utilizzato principalmente per costruire ed espandere l’economia cinese attraverso enormi investimenti in infrastrutture, capacità industriale, crescita della produttività, istruzione e ricerca e sviluppo. Questo programma di investimento deliberato è continuato anche dopo che la Cina si è aperta a (1) investimenti capitalistici privati ​​stranieri, (2) sviluppo e crescita di imprese capitaliste cinesi private e (3) partnership tra di loro. Il Partito Comunista Cinese e l’apparato statale cinese controllavano e manovravano la risultante accelerazione della produzione eccedentaria per orientare gli investimenti verso gli obiettivi di crescita fissati dal partito e dallo stato. Il surplus della Cina è stato utilizzato anche, in secondo luogo, per riprodurre le complesse strutture di classe delle imprese private e statali e dei capitalisti privati ​​stranieri e nazionali, e infine per intraprendere la regolamentazione dei mercati e la pianificazione economica governativa (2) con sviluppo e crescita delle imprese capitaliste cinesi private e (3) partnership tra di esse.

Tecnologia cinese

Il Partito Comunista Cinese e l’apparato statale cinese controllavano e manovravano la risultante accelerazione della produzione eccedentaria per orientare gli investimenti verso gli obiettivi di crescita fissati dal partito e dallo stato. Il surplus della Cina è stato utilizzato anche, in secondo luogo, per riprodurre le complesse strutture di classe delle imprese private e statali e dei capitalisti privati ​​stranieri e nazionali, e infine per intraprendere la regolamentazione dei mercati e la pianificazione economica governativa (2) e per incentivare sviluppo e crescita delle imprese capitaliste cinesi private e (3) partnership tra di esse.


Oggi, la sfida offerta dalla Cina agli Stati Uniti e in effetti all’economia mondiale capitalista è un modello che si discosta nettamente dal modello di laissez-faire privato del capitalismo che ha prevalso fino ad oggi nel capitalismo globale. In quest’ultimo modello, il governo è chiamato in causa (à la Keynes) solo quando le crisi colpiscono e minacciano il capitalismo privato. E poi gli interventi economici del governo sono ristretti nella portata e nella portata e sono temporanei nel tempo. La regolamentazione governativa minima e la produzione diretta minima di beni e servizi da parte del governo sono le regole chiave.

Al contrario, in Cina, il Partito Comunista e lo Stato intervengono molto di più negli affari economici regolando maggiormente le imprese private (esterne e nazionali) e anche facendo in modo che lo Stato possieda e gestisca le imprese. Ciò che risulta per il partito e per lo stato è un controllo globale dello sviluppo economico. Tale controllo, nella sua estensione e durata, supera di gran lunga il ruolo dei governi in Europa occidentale, Nord America e Giappone. Avere il partito e lo stato come entità collaborative che promuovono determinate politiche consente la regolare mobilitazione della maggior parte delle risorse private e pubbliche per raggiungere gli obiettivi concordati. Il principale tra gli obiettivi è stato lo sviluppo economico per sfuggire alla povertà endemica dell’Asia meridionale.
La mobilitazione per fermare la diffusione di COVID-19 attraverso i blocchi a Wuhan e altrove è stata un altro esempio. Così è stato anche il raggiungimento della parità tecnica e talvolta della superiorità rispetto agli Stati Uniti in molti campi.

L’economia keynesiana ha goduto di un’ascesa fulminea all’interno della disciplina economica quando ha consentito alle politiche del governo di aiutare chiaramente la sopravvivenza e la ripresa del capitalismo dalla Grande Depressione degli anni ’30. L’economia neoclassica potrebbe tornare al dominio all’interno della professione negli anni ’70, quando ha consentito alle politiche governative (neoliberismo) di aiutare chiaramente a ridurre le regole e i vincoli keynesiani sui capitalisti privati ​​(come il New Deal e la socialdemocrazia). La notevole crescita economica della Cina negli ultimi 30-40 anni probabilmente provocherà e sarà ulteriormente resa possibile dai corrispondenti sviluppi nella disciplina dell’economia. Queste comporteranno la riscoperta, l’adozopne eil rafforzamento ,degli interventi economici dei governi come mezzo per ottenere gli obiettivi socialmente prioritari.

Nella misura in cui le negazioni di ciò che la Cina continua a realizzare economicamente perdono il loro potere retorico, l’attenzione probabilmente si rivolgerà sempre più al modello cinese, per esplorare se e come i capitalismi dell’Europa occidentale, del Nord America e del Giappone possono imparare e coesistere con la Cina. Anche le demonizzazioni e le minacce (una nuova guerra fredda) dirette a veri e falsi problemi politici e culturali in Cina probabilmente svaniranno a favore di un reciproco accordo con la Cina. I leader cinesi hanno chiarito la loro opinione che hanno accolto e continueranno ad accogliere il commercio e gli investimenti dei capitalisti privati ​​insieme e interagiscono con le imprese di proprietà e gestite dallo stato. Questo è stato un motore del loro notevole sviluppo, e non c’è alcuna intenzione di cambiare questo orientamento.

Armata navale cinese

Sono piuttosto parti degli Stati Uniti che considerano uno scontro militare con la Cina come necessario e razionalmente possibile ora. Se accadrà, i cinesi lo vedranno per quello a cui gli Stati Uniti di fatto si sono opposti, vale a dire la continuazione del potere del Partito comunista cinese e della struttura sociale su cui esso e lo stato cinese presiedono. La leadership cinese ha detto che lo combatterà totalmente.

La Cina ha più di quattro volte la popolazione degli Stati Uniti. La produzione totale della sua economia potrebbe superare quella degli Stati Uniti in pochi anni. La sua influenza politica globale sta aumentando rapidamente. Gli alleati degli Stati Uniti devono ripensare sempre più alle loro relazioni estere alla luce dell’ascesa della Cina. Nel frattempo, i problemi economici degli Stati Uniti (come i cicli di instabilità, le disuguaglianze di ricchezza e reddito, le divisioni politiche e l’accumulo esplosivo del debito) aumentano. La capacità degli Stati Uniti di cambiare la Cina, di allontanarla dal percorso e dalle strutture che l’hanno portata così lontano e così in fretta, si è rivelata tutt’altro che impressionante a praticamente tutti coloro che prestano attenzione.

Aumentare la demonizzazione della Cina sembra una risposta povera e probabilmente controproducente. Sì, replica la demonizzazione dell’URSS che è servita efficacemente a coprire il rollback del New Deal. Ma per gli Stati Uniti riportare indietro il periodo progressista di un altro paese è un progetto molto diverso dal farlo a livello nazionale. Inoltre, le condizioni (economiche, politiche e culturali) del mondo di oggi differiscono drasticamente da quelle successive al 1945.

Tuttavia, la ripetizione di Biden delle politiche post-1945 della Guerra Fredda è molto più vicina a quella originale di quanto le sue politiche economiche siano a quelle di Franklin Delano Roosevelt. E questo si rivelerà esattamente il contrario di ciò di cui ha bisogno la crisi odierna.

*Richard D. Wolff è professore emerito di economia all’Università del Massachusetts, Amherst, e visiting professor nel Graduate Program in International Affairs della New School University, a New York. Il programma settimanale di Wolff, “Economic Update”, è distribuito da più di 100 stazioni radio e arriva a 55 milioni di ricevitori TV tramite Free Speech TV. I suoi tre libri recenti con Democracy at Work sono La malattia è il sistema: quando il capitalismo non riesce a salvarci dalle pandemie o da se stesso, Capire il marxismo e Capire il socialismo.

Questo articolo è stato prodotto da Economy for All , un progetto dell’Independent Media Institute.

Fonte: Information clearing House

Traduzione: Luciano Lago