Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Articoli / Il secolo asiatico è già cominciato

Il secolo asiatico è già cominciato

di David P. Goldman - 25/05/2020

Il secolo asiatico è già cominciato

Fonte: controinformazione


Gli storici dell’economia possono datare l’inizio del secolo asiatico nel maggio 2020, quando la maggior parte delle economie asiatiche è tornata alla piena occupazione mentre l’Occidente sta languendo nel blocco del coronavirus. L’Asia è emersa come una zona economica strettamente integrata come l’Unione Europea, sempre più isolata dagli shock economici degli Stati Uniti o dell’Europa.

I dati giornalieri di Google sulla mobilità dei posti di lavoro utilizzano la posizione dello smartphone per determinare il numero di persone che vanno al lavoro – di gran lunga la lettura più accurata e aggiornata disponibile sull’attività economica. Dal 13 maggio, Taiwan, la Corea del Sud e il Vietnam sono tornati ai livelli normali. Giappone e Germania sono tornati al 20% al di sotto del normale. Gli Stati Uniti, la Francia e il Regno Unito rimangono paralizzati. Google non può leggere i dati in Cina, ma le prove disponibili indicano che la Cina è sulla stessa strada di Taiwan, Corea del Sud e Vietnam.
La ripresa economica asiatica è coerente con il successo nel controllo della pandemia del Covid-19. Cina, Giappone, Taiwan, Corea del Sud, Hong Kong e Singapore hanno tassi di mortalità Covid-19 un decimo di quelli tedeschi e un centesimo di quelli negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia o in Spagna. Come ho riferito il 21 maggio, gli Stati Uniti stanno lottando per riaprire la propria economia, nonostante un tasso molto più elevato di nuove infezioni rispetto ai paesi asiatici o alla Germania. Questo comporta un rischio sostanziale. Due impianti Ford Motor negli Stati Uniti, riaperti il ​​17 maggio, sono stati chiusi ieri, ad esempio dopo che i dipendenti si sono dimostrati positivi per Covid-19.

L’impennata a breve termine dell’Asia ha seguito il suo successo nella prevenzione delle malattie. Ma il motore a lungo termine della crescita asiatica è l’emergere della Cina come superpotenza tecnologica. Si prevede che la sessione di questa settimana del Congresso popolare di Pechino passerà 1,4 miliardi di dollari di nuovi investimenti del governo in banda larga 5G, automazione industriale, auto a guida autonoma, intelligenza artificiale e campi correlati.

L’Asia ora agisce come un blocco economico coeso. Il sessanta per cento del commercio dei paesi asiatici è all’interno dell’Asia, la stessa proporzione dell’Unione Europea. I numeri di mobilità di Google confermano quanto appreso all’inizio di questo mese dai dati commerciali della Cina di aprile. Il commercio intra-asiatico è aumentato di anno in anno, mentre il commercio con gli Stati Uniti è rimasto stagnante.
Nel frattempo, il mercato azionario cinese è il più performante di quest’anno, in calo solo del 2% da inizio anno all’indice MSCI in termini di dollari USA, mentre tutti gli altri mercati principali sono in numero negativo. La forza del mercato azionario cinese è degna di nota data l’escalation della guerra economica con gli Stati Uniti, incluso un divieto degli Stati Uniti sulle esportazioni di chip di computer realizzati da terzi con proprietà intellettuale statunitensi verso società cinesi nella lista nera e con la minaccia di eliminare l’elenco delle società cinesi nella Borsa degli Stati Uniti.

Armata d’assalto cenese


Le società di tecnologia sanitaria, tuttavia, hanno guidato il mercato azionario cinese, con l’indice di “Alibaba Health Information” più che raddoppiato da inizio anno. L’ambizione della Cina di guidare il mondo nell’intelligenza artificiale e nell’analisi dei big data nel settore sanitario ha ricevuto una spinta dalla pandemia di Covid-19, nella costernazione dei funzionari statunitensi .

La scorsa settimana il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha imposto controlli sulle vendite di semiconduttori a società cinesi nella “lista di entità” di Washington, se prodotti in qualsiasi parte del mondo con la tecnologia americana. Il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, leader mondiale nella banda larga 5G, progetta i propri chip e ne contrae la fabbricazione alla “Taiwan Semiconductor Manufacturing Corporation”, la principale fonderia di chip al mondo. TSMC utilizza apparecchiature americane per la fabbricazione di chip e rientrerà nel divieto. Gli analisti del settore sono in attesa di vedere quanto rigorosamente gli Stati Uniti faranno rispettare queste regole, che hanno un periodo di grazia di 120 giorni.

Come ho scritto il 18 maggio , questo rappresenta un gioco d’azzardo da parte della Trump Administration, che non è riuscito a dissuadere la maggior parte dei suoi alleati dal fare affari con Huawei, che Washington definisce una minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Una manciata di aziende statunitensi e l’ASML olandese ora dominano il mercato delle apparecchiature per la fabbricazione di semiconduttori in grado di produrre chip all’avanguardia. Se gli Stati Uniti impediscono alle fabbriche di tutto il mondo di vendere a Huawei, l’azienda cinese non avrà alcuna fonte di semiconduttori di fascia alta. Secondo quanto riferito, Huawei ha un ampio inventario di chip; Le importazioni cinesi di semiconduttori sono raddoppiate tra la fine del 2017 e la fine del 2018, suggerendo che la Cina ha accumulato chip per precauzione. Il divieto degli Stati Uniti se attuato integralmente danneggerebbe l’azienda cinese.

Ma questa è l’ultima carta che Washington deve giocare. Le apparecchiature per la produzione di semiconduttori sono l’ultimo punto di controllo americano tra le tecnologie critiche. Nelle sale riunioni aziendali statunitensi e nelle chat room degli ingegneri su Internet, la domanda non è se, ma quando la Cina decodificherà le macchine americane o olandesi e produrrà le proprie. La Cina potrebbe non essere in grado di acquistare chip per computer di fascia alta, ma può assumere tutti gli ingegneri di chip che vuole in qualsiasi parte del mondo. Taiwan ora domina la fabbricazione di chip e un decimo degli ingegneri di chip di Taiwan stanno lavorando a doppio pagamento sulla terraferma cinese, secondo i media.

In passato, la Cina ha stabilito la sua autonomia ad alta tecnologia molto più velocemente di quanto si aspettassero la maggior parte degli osservatori. La sua società numero due di apparecchiature per telecomunicazioni ZTE ha quasi chiuso nell’aprile 2018 dopo che Washington ha fatto emarginare le vendite dei chip Qualcomm che alimentano i suoi smartphone. Entro dicembre 2018, Huawei stava producendo il proprio chipset Kirin, con più potenza del prodotto Qualcomm.


La Cina utilizza ancora software americano per la progettazione di chip e dipende dalle fabbriche di Taiwan che utilizzano apparecchiature statunitensi. Se la Cina raggiungerà rapidamente l’autosufficienza nella produzione di chip, cadrà l’ultima roccaforte del dominio tecnologico statunitense.


Fonte: Asia Times
Traduzione: Luciano Lago