Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Rassegne stampa / Economia e Decrescita

La Rassegna Stampa di Arianna Editrice

Economia e Decrescita

La decrescita necessaria

il 28/11/2018 | Economia e Decrescita

La decrescita necessaria

Da molti decenni il divario economico tra ricchi e poveri dilaga tra i continenti come all’interno di ogni nazione. I dati macroscopici, oltre 4 miliardi di persone vivono con niente e una decina di nababbi possiede la ricchezza di mezzo pianeta, sono tanto noti quanto ignorati nei fatti. La sola... continua a leggere

Ue, tante parole poca solidarietà

il 25/11/2018 | Economia e Decrescita

Ue, tante parole poca solidarietà

Da parecchio tempo, e non solo per le recenti defaticanti e destabilizzanti diatribe tra Roma e Bruxelles, rappresentanti ed economisti di molti paesi europei, in primis della Germania, manifestano grande attenzione nei confronti dell'economia italiana. Cosa legittima che, se fatta con spirito di... continua a leggere

Gli anatemi liberisti del Corriere

il 20/11/2018 | Economia e Decrescita

Gli anatemi liberisti del Corriere

Il Corriere della Sera contende al Sole24Ore la palma di voce più autorevole della grande borghesia italica, appoggiando di volta in volta i partiti che meglio ne rappresentano gli interessi. Uno dei compiti che si è assunto per svolgere il ruolo, consiste nell’impartire lezioni di... continua a leggere

Quando sovranismo fa rima con socialismo

il 20/11/2018 | Economia e Decrescita

Quando sovranismo fa rima con socialismo

  “Che certi termini abbiano assunto questo significato deteriore non è avvenuto a caso. Si tratta di una reazione del senso comune contro certe degenerazioni culturali, ecc., ma il ‘senso comune’ è stato a sua volta il filisteizzatore, il mummificatore di una reazione giustificata... continua a leggere

Viva le classi sociali!

il 20/11/2018 | Economia e Decrescita

Viva le classi sociali!

      Negli ultimi giorni, complice l’attualità politica, abbiamo assistito al ritorno in piazza di gruppi sociali variamente ascrivibili alle classi medie e persino a quelle superiori. La “garbata e civile” rimpatriata dei torinesi... continua a leggere

L’incubo debito e spread

il 19/11/2018 | Economia e Decrescita

L’incubo debito e spread

Si definisce “avanzo primario” e rappresenta un importante indicatore dello stato di salute dei conti pubblici in quanto misura la differenza tra le entrate e le uscite dello Stato al netto del costo del debito pubblico.L’avanzo primario viene calcolato sottraendo alla spesa pubblica le... continua a leggere

Una truffa chiamata debito pubblico

il 06/11/2018 | Economia e Decrescita

Una truffa chiamata debito pubblico

E’ da un po’ troppo tempo che ci sentiamo ripetere, a mò di ossessivo “mantra”, che il debito pubblico è eccessivo, o che il suo sforamento può portare a gravi conseguenze per l’economia del nostro paese o che, ancor peggio, in virtù di tale debito siamo obbligati ad adottare delle... continua a leggere

Torniamo alla lira, lo dice pure S&P

il 05/11/2018 | Economia e Decrescita

Torniamo alla lira, lo dice pure S&P

Vogliamo dirlo chiaro e tondo: lo Stato italiano è vittima dell’usura. Gli interessi si cumulano sugli interessi e fanno crescere il debito anche se non ci si indebita più. Da 25 anni lo Stato non ha o meglio non avrebbe bisogno di indebitarsi perché incassa più tasse di quello che... continua a leggere

Il debito mondiale è pari al 250% del suo pil

il 04/11/2018 | Economia e Decrescita

Il debito mondiale è pari al 250% del suo pil

Era al 200 % nel 2008. E questo senza contare quello del settore bancario e finanziario. Per Fmi, Borse e immobili sono fortemente sopravvalutatiNon abbiamo mai avuto grande simpatia per il Fondo monetario internazionale. Le sue politiche e le condizioni imposte hanno fortemente indebolito le... continua a leggere

L'agenda economica di Bolsonaro

il 03/11/2018 | Economia e Decrescita

L'agenda economica di Bolsonaro

Ormai totalmente fallito il sistema "socialista bolivariano" di cui il Venezuela è l'esempio più tragico (il Paese è letteralmente alla fame, in preda a gruppi criminali organizzati, microcriminalità violenta, mercato nero, disoccupazione e penuria di merci nei mercati, con oltre 3 milioni di... continua a leggere