Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Rassegne stampa / Economia e Decrescita

La Rassegna Stampa di Arianna Editrice

Economia e Decrescita

Liberofuochismo

il 23/08/2019 | Economia e Decrescita

Liberofuochismo

Le fiamme che stanno devastando l'Amazzonia a causa dell'accelerazione delle politiche di deforestazione avviata da Bolsonaro hanno una causa precisa: si chiama liberoscambismo. Cioè l'idea che l'obiettivo della politica commerciale globale debba essere quello di incrementare il più possibile... continua a leggere

Il sistema del dollaro arranca

il 06/08/2019 | Economia e Decrescita

Il sistema del dollaro arranca

Se persino un economista della banca americana JP Morgan Chase, la più grande tra le “too big to fail”, ammette che l’era del dollaro come moneta degli scambi internazionali è arrivata al termine, vuol dire che qualcosa d’importante sta veramente cambiando nel sistema monetario... continua a leggere

40 anni di caduta salariale

il 03/08/2019 | Economia e Decrescita

40 anni di caduta salariale

Dalla metà degli anni ’70 all’inizio del XXI secolo si è registrata una perdita dei salari pari al 10% del PIL. Una quota trasferita direttamente ai profitti delle classi più ricche. Il dubbio merito è delle tanto invocate e decantate riforme del mercato del lavoro, delle privatizzazioni,... continua a leggere

Inganni economici

il 19/07/2019 | Economia e Decrescita

Inganni economici

Intervista di Luigi Tedeschi a Ilaria Bifarini autrice del libro "Inganni economici" Yourprint 2019 1)     Il sistema economico neoliberista si è imposto, in quanto legittimato da fondamenti scientifici. Ma ogni teoria scientifica necessita di una verifica nelle sue... continua a leggere

Salvataggi e uccisioni

il 16/07/2019 | Economia e Decrescita

Salvataggi e uccisioni

Insomma, pare che Deutsche Bank abbia vissuto, fra uno scandalo e l’altro (cercare «Panama Papers» e «Scandalo Libor») ed imbottendosi di derivati, al di sopra delle proprie possibilità… A pagare adesso saranno 18mila lavoratori, mentre 74 miliardi di euro di crediti a rischio finiranno... continua a leggere

Un sistema monetario parallelo in yuan?

il 08/07/2019 | Economia e Decrescita

Un sistema monetario parallelo in yuan?

A ogni azione di solito corrisponde una reazione che, a volte, sorprende chi ha iniziato il contenzioso.  E’ il caso della politica dei dazi e delle sanzioni di Trump: stanno determinando le condizioni per la nascita di un sistema monetario parallelo basato sullo yuan cinese... continua a leggere

Eurolager: dov'è l'uscita?

il 28/06/2019 | Economia e Decrescita

Eurolager: dov'è l'uscita?

Il Governo Conte fa bene a piegarsi alle richieste di Bruxelles e ad evitare la procedura di infrazione (che comporterebbe un esproprio delle funzioni politico-economiche in favore degli eurocrati). E’ il male minore. Oggi.L’Euro ha un effetto tecnico inevitabile: deindustrializzare... continua a leggere

Il sonno della ragione

il 24/06/2019 | Economia e Decrescita

Il sonno della ragione

Verrà il giorno in cui guarderemo al mondo attuale con l'incredulità con cui oggi guardiamo retrospettivamente ai processi alle streghe o al genocidio degli eretici.Mentre FB sta lanciando la sua criptovaluta, la UE consuma (da anni) tutte le proprie energie a risolvere i problemi che essa... continua a leggere

Le grinfie della finanza sul turismo italico

il 24/06/2019 | Economia e Decrescita

Le grinfie della finanza sul turismo italico

Ieri c’è stato un report sulle big del turismo e le loro  pratiche sleali, Booking ed Expedia principalmente, argomento che avevo affrontato nel 2016 in un convegno organizzato al Parlamento dall’on. Daniele Pesco, e successiva indagine. Perché il M5S, molto ligio e accondiscendente verso... continua a leggere

Il modello norvegese

il 24/06/2019 | Economia e Decrescita

Il modello norvegese

Disoccupazione in Norvegia a maggio 2,1%.  Non sono nell’euro, non sono un “grande” Paese che potrà mai competere con Cina, USA o quant’altro (e perché dovrebbero poi competere con loro?), hanno alti stipendi ed elevate tasse, il che li renderebbe sostanzialmente un paese importatore,... continua a leggere